I corsi di pronto soccorso aziendali

La sicurezza sul lavoro


Il corso di primo soccorso, obbligatorio per le aziende ai sensi del D.lgs 81/08, prevede regolamentazioni differenti in base alla tipologia di attività svolta dall'azienda, dal numero di lavoratori occupati e dal fattore di rischio che la caratterizza.

 

Spesso si fa confusione sulle diverse tipologie di corsi di primo soccorso che vengono identificati con le prime tre lettere dell’alfabeto, di seguito si può leggere un prospetto con lo scopo di chiarire questa differenziazione:

  • Gruppo A

–  aziende soggette ad obbligo di dichiarazione o notifica (D.P.R. 175/88 e poi D.Lgs. 334/99)

– centrali termoelettriche

– impianti e laboratori nucleari (artt. 7, 28 e 33 D.Lgs. 239/95)

– aziende estrattive ed altre attività minerarie (D.Lgs. 624/96)

– lavori in sotterraneo (D.P.R. 320/56)

– aziende per la fabbricazione di esplosivi, polveri e munizioni

– aziende con oltre 5 lavoratori ad alto indice infortunistico INAIL

– aziende agricole con oltre 5 lavoratori a tempo indeterminato

  • Gruppo B

 

– aziende con 3 lavoratori ed oltre che non rientrano nel gruppo A

  • Gruppo C

– aziende con un numero di lavoratori inferiore a 3 che non rientrano nel gruppo A

 

Definita la tipologia aziendale, il corso di primo soccorso è rivolto ai lavoratori oppure al datore di lavoro stesso, nel caso in cui l'azienda non superi i 5 dipendenti, ed è finalizzato a formare personale idoneo in grado di attuare interventi interni di primo soccorso ed di attivare gli interventi di pronto soccorso se necessari.

 

Le caratteristiche e le modalità di svolgimento del corso di pronto soccorso sono le seguenti:

- parte teorica (come riconoscere una emergenza e come attivarsi)

- parte pratica (applicazione delle tecniche di primo soccorso quali rianimazione, sollevamento, spostamento e trasporto)

-  formazione svolta da personale medico specializzato

- l'azienda deve fornire al propri dipendenti le attrezzature minime quali cassetta di sicurezza e pacchetto di medicazione

- aggiornamento periodico ogni tre anni.

 

Il numero di dipendenti che devono essere formato è variabile e dipende dalla struttura aziendale. Parametri necessari per tale valutazione possono essere il numero di lavoratori in azienda ed il tipo di attività svolta. Compito del datore di lavoro è sempre e comunque quello garantire una persona formata in un corso di pronto soccorso su qualsiasi turno dell'attività lavorativa.

 

Il compito del responsabile aziendale in materia di primo soccorso è quello di riconoscere la situazione di emergenza valutando il luogo dell'infortunio, la gravità dell'evento verificatosi, il numero di persone coinvolte e deve essere in grado di comunicare  ai Servizi Sanitari di assistenza tutte le valutazioni fatte sullo stato di emergenza in atto. Una tempestiva, corretta e precisa comunicare degli eventi verificatisi, agli organi predisposti alla gestione dell'emergenza è un compito indispensabile che può avere forti ripercussioni sull'esito finale dell'emergenza verificatasi nel caso non venisse fatto nei tempi giusti e con la giusta procedura.

 

Il gruppo CSP organizza corsi di formazione per il primo soccorso perché essere formati non è solo un obbligo aziendale ma a volte è anche la sola possibilità di salvare una vita. Non è impegnativo a livello di ore e con poche semplici mosse è possibile ottenere l’attestato, tale documento va aggiornato con cadenza periodica al fine di essere sempre abili all’azione nel momento in cui si dovesse verificare una situazione di emergenza.


Prodotti