Che cosa sono i "DPI" ?

Dispositivi di Protezione Individuale


Per "DPI" (dispositivi di protezione individuale) si intendono tutti quei prodotti che servono per proteggere la persona da pericoli inerenti alla salute e la sicurezza. Si differenziano dai DPC ( dispositivi di protezione colletivo) che invece servono per la protezione di un gruppo di persone.

I DPI hanno caratteristiche uguali per tutte le tipologie:
  • • qualificato al tipo di lavoro che si svolge;
  • • idoneo al luogo di lavoro;
  • • devono tenere conto della salute del lavoratore;
  • • devono essere adattabili fra loro in caso di necessità.

Quando chiedete dei Dispositivi di protezione individuale è importante sapere a che “categoria” appartengono.
Esistono tre principali categorie basate sul tipo di protezione e certificazione:


I categoria = per danni lievi - autocertificati dal produttore;
II categoria = per danni indicativi - certificazione da parte  di un organismo di controllo autorizzato e notificato;
III categoria = per danni gravi (rischio di morte) - certificazione da parte di un organismo di controllo autorizzato e notificato.

Vanno utilizzati solo quando non si riesce a eliminare il rischio sul luogo di lavoro e devono essere adeguati alle condizioni di lavoro, ai rischi da prevenire senza apportare maggior rischio.
Inoltre, come abbiamo già detto, hanno l’obiettivo di ridurre i danni derivanti dai rischi per la salute e sicurezza sul lavoro.



Quanti Dispositivi di protezione individuale esistono? i principali sono sei:

 
1) Protezione per le vie respiratorie che servono a proteggere da gas, polveri e vapori e aiutano a respirare quando il livello di ossigeno è superiore al valore-limite del 17%): mascherine facciali filtranti, antigas e relativi filtri, autorespiratori;
 
2) Protezione delle mani maggiormente esposte a rischi, i guanti che sono utilizzati come mezzo di protezione deve sono diversi fra loro in base al tipo di rischio;
 
3) Protezione degli occhi che possono essere soggetti a tre tipi di lesione: meccaniche, ottiche e termiche. Le protezioni indicate sono occhiali, maschere, visiere e schermi abbinati a filtri protettivi inerenti al tipo di lavoro che si sta svolgendo;
 
4) Protezione dell’udito i DPI sono obbligatori quando non si può ridurre il rumore in modo tecnico o quando il rumore supera 135 decibel di picco o gli 85 decibel medi giornalieri;
 
5) Protezione del capo che in realtà è uno solo: il casco detto anche elmetto. Questo può essere abbinato con altri dispositivi (cuffie o visiere) ovviamente compatibili a materiale e certificazione;
 
6) Protezione degli arti inferiori parla principalmente delle calzature antinfortunistiche che poi possono essere integrate con suole amovibili, ghette, dispositivi di protezione per il collo del piede e ginocchiere. 0gni scarpa antinfortunistica deve essere idonea per il tipo di lavoro che uno svolge.


Quando devono essere sostituiti i DPI?
Questa è una delle domande più frequenti e in realtà la risposta è molto semplice: alcuni hanno direttamente la data di scadenza scritta all'interno o nell'etichetta, mentre in altri casi dev’essere il lavoratore ad aver il buon senso di controllare l'usura del dispositivo.

Il datore di lavoro ha l’obbligo di fornire ai propri dipendenti DPI conformi secondo la normativa in vigore e previsti per il tipo di lavoro che devono svolgere, assicurarsi l’efficienza e la manutenzione dei prodotti e di informare il lavoratore su l’utilizzo.
Il lavoratore, dall’altra parte, deve avere cura dei dispositivi dati in consegna e controllare eventuali difetti o mal funzionamenti.

In ogni caso, che tu sia un privato o una azienda, puoi affidarti a persone competenti nella tua zona che possono fornirti la vendita e l'assistenza sul prodotto, ma soprattutto che ti consiglino i DPI migliori in base al rischio lavorativo che devi svolgere.



Se ti interessa il regolamento che disciplina questi dispositivi qui sotto ti lascio un pdf. del Regolamento del 2016/425 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 9 marzo 2016.

 


Download


Prodotti